Eur J Cancer. 2018 Jul 19;101:87-94. doi: 10.1016/j.ejca.2018.06.028. [Epub ahead of print]

Bouvard B, Chatelais J, Soulié P, Hoppé E, Saulnier P, Capitain O, Mege M, Mesgouez-Nebout N, Jadaud E, Abadie-Lacourtoisie S, Campone M, Legrand E.

IL TRATTAMENTO PER L’OSTEOPOROSI E L’OUTCOME A 10 ANNI DEL CARCINOMA ALLA MAMMELLA CON RECETTORI PER GLI ESTROGENI POSITIVI IN DONNE IN POST-MENOPAUSA TRATTATE CON INIBITORI DELL’AROMATASI

BACKGROUND:

I principali fattori di rischio per recidiva di carcinoma della mammella sono ben noti come le dimensioni del tumore e il coinvolgimento linfonodale. Lo scopo del nostro studio è stato di valutare l’effetto a 10 anni della densità minerale ossea, delle fratture e della prescrizione di bisfosfonati e vitamina D sul tumore alla mammella.

PAZIENTI E METODI:

Questa è una coorte longitudinale e prospettica di 450 donne in post menopausa con tumore alla mammella e recettore per gli estrogeni positive (ER)+. Di ogni paziente sono state analizzate le caratteristiche della neoplasia, lo stato osseo all’inizio della terapia con inibitori dell’aromatasi e gli outcome sul tumore a 10 anni con modello di Cox.

RISULTATI:

Il follow-up medio è stato di 10.3 ± 3.0 anni. Settantanove donne sono decedute e 75 hanno avuto una recidiva di malattia; al momento della valutazione basale il 30.7% aveva avuto una pregressa frattura , il 16.9% presentava un T-score ≤ -2.5 e l’11.3% aveva una carenza di vitamina D. I bisfosfonati sono stati prescritti al 35.3% delle donne per la presenza di osteoporosi per un periodo medio di trattamento di 5 ± 1.7 anni. Le dimensioni del tumore (hazard ratio [HR] = 1.32, P ≤ 0.01) e il numero di linfonodi coinvolti (HR = 1.07, P = 0.03) sono risultati significativamente associati con il riscontro di una recidiva. Il trattamento con bisfosfonati è risultato associato in maniera statisticamente significativa alla riduzione del rischio di recidiva (HR = 0.51, P = 0.03). L’età al momento della diagnosi della neoplasia  (HR = 1.07, P ≤ 0.01) e la carenza di vitamina D (HR = 1.85, P = 0.04) sono risultati significativamente associate all’aumento del rischio di morte mentre al contrario la terapia con bisfosfonati con una riduzione del rischio di morte stesso (HR = 0.46, P = 0.01).

CONCLUSIONI:

Il trattamento per l’osteoporosi, considerando vitamina D e bisfosfonati, si associa ad una riduzione del 50% del rischio di recidiva di malattia e di morte in donne trattate con inibitori dell’aromatasi per neoplasia mammaria ER+.

Scrivi alla segreteria

Per qualsiasi informazione sull'iscrizione alla società G.I.BIS. Scrivi alla segreteria.

Invio

©2018 Gruppo Italiano per lo studio dei BISfosfonati

Entra con le tue credenziali

oppure    

Dimenticate le credenziali

Create Account

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi