Cosman F, Crittenden DB, Adachi JD, et al. N Engl J Med 2016;375:1532-1543.

TRATTAMENTO CON ROMOSOZUMAB IN DONNE IN POST MENOPAUSA AFFETTE DA OSTEOPOROSI

BACKGROUND: Romosozumab, un anticorpo monoclonale che lega la sclerostina, aumenta la neoformazione ossea e reduce il riassorbimento.

METODI: sono state arruolate 7180 donne in post-menopausa con T-score tra -2.5 e -3.5 al total hip o femoral neck. Le pazienti sono state randomizzate ad assumere un’iniezione sottocutanea di romosozumab (alla dose di 210 mg) o placebo mensilmente per 12 mesi; a seguire i pazienti di ciascun gruppo hanno assunto denosumab60 mg/6 mesi per ulteriori 12 mesi. Gli endpoints coprimari erano l’incidenza cumulativa di nuove fratture vertebrali a 12 e 24 mesi. Gli endpoints secondari erano le fratture cliniche (fratture non vertebrali e vertebrali cliniche) e le fratture non vertebrali.

RISULTATI: a 12 mesi si sono registrate nuove fratture vertebrali in 16 pazienti su 3321 (0.5%) nel gruppo in romosozumab rispetto a 59 su 3322 (1.8%) nel gruppo in placebo (riduzione del rischio con romosozumab -73%; P<0.001). Le fratture cliniche si sono verificate in 58 pazienti su 3589 patients (1.6%) nel gruppo in romosozumab contro 90 su 3591 (2.5%) del gruppo in placebo (riduzione del rischio con romosozumab -36%; P=0.008). Le fratture non vertebrali si sono verificate in 56 pazienti su 3589 (1.6%) in romosozumab e in 75 su 3591 (2.1%) nel gruppo in placebo (P=0.10). A 24 mesi, dopo il passaggio di ciascun gruppo a denosumab, il tasso di fratture vertebrali è stato significativamente più basso in romosozumab rispetto a placebo (0.6% [21 su 3325 pazienti] in romosozumab vs. 2.5% [84 su 3327] in placebo con una riduzione del rischio del 75% con romosozumab; P<0.001). Gli eventi avversi, compresi iperostosi, eventi cardiovascolari, artrosi e neoplasia, sono risultati equamente distribuiti tra I due gruppi. Un caso di frattura atipica e due casi di osteonecrosi della mandibola sono stati osservati nel gruppo in romosozumab.

CONCLUSIONI: nelle donne con osteoporosi post-menopausale, romosozumab rispetto al placebo è risultato associato ad un minor rischio di sviluppare fratture vertebrali a 12 mesi e, dopo transizione a denosumab, a 24 mesi. E’ stata documentata anche una riduzione del rischio di fratture cliniche a 1 anno

Scrivi alla segreteria

Per qualsiasi informazione sull'iscrizione alla società G.I.BIS. Scrivi alla segreteria.

Invio

©2018 Gruppo Italiano per lo studio dei BISfosfonati

Entra con le tue credenziali

oppure    

Dimenticate le credenziali

Create Account

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi