Evidence Report and Systematic Review for the US Preventive Services Task Force

Kahwati LC, Palmieri Weber R, Pan H et al. JAMA 2018; 319 (15):1600-1612

OBIETTIVO: Rivedere le evidenze su benefici e rischi della supplementazione con vitamina D e calcio, da soli o combinati, per la prevenzione primaria delle fratture in adulti residenti in comunità, al fine di aggiornare le raccomandazioni della US Preventive Services Task Force.

METODI: Fonte dei dati: PubMed, EMBASE, Cochrane Library e trials registrativi fino al 21 marzo 2017. Sono stati selezionati studi randomizzati e controllati (RCTs) in lingua inglese o studi osservazionali sulla supplementazione con vitamina D e calcio, da soli o combinati, nella popolazione adulta. Sono stati esclusi studi su pazienti istituzionalizzati o con noto deficit vitaminico D, osteoporosi o precedenti fratture. Una doppia e indipendente revisione dei titoli/abstracts e degli articoli integrali nonché la valutazione della qualità degli studi sono state condotte sulla base di criteri predefiniti. I principali outcomes sono stati: le fratture incidenti, la mortalità, la calcolosi renale, gli eventi cardiovascolari e le neoplasie.

RISULTATI: Sono stati inclusi 11 RCTs (N=51419) condotti da 2 a 7 anni su popolazione adulta ≥ 50 anni. Rispetto al placebo la supplementazione con vitamina D ha ridotto l’incidenza totale di frattura (1 RCT [n=2686]; differenza assoluta di rischio [ARD], -2.26% [95% IC -4.53- 0.00%]), ma non è stata osservata un’associazione significativa con le fratture di femore (3 RCTs [n=5496]; ARD -0.01% [95% IC -0.80-0.78%]). La supplementazione con vitamina D e calcio non ha avuto effetto sull’incidenza totale di frattura (1 RCT [n=36282]; ARD -0.35% [95% IC -1.02-0.31%]) né sull’incidenza di fratture di femore (2 RCT [n=36727]; ARD dal trial più ampio -0.14% [95% IC -0.34-0.07%]). Le evidenze relative alla supplementazione con calcio sono limitate, con soli 2 studi (n=339) e risultati imprecisi. Non è stata osservata un’associazione statisticamente significativa tra la supplementazione con vitamina D, da sola o con calcio, sulla mortalità per tutte le cause o sugli eventi cardiovascolari incidenti; (ARD tra -1.93% e 1.79%). Il trattamento con vitamina D e calcio combinati è risultata associata ad un incremento di incidenza di calcolosi renale (3 RCTs [n=39213]; ARD 0,33%[95% IC 0.06 -060%]), ma la supplementazione di calcio da solo non ha indotto un aumento del rischio (3RCts [n=1259]; ARD 0.00% [95% IC -0.87-0.87%]). La supplementazione con vitamina D e calcio non è risultata associata ad un aumento dell’incidenza di neoplasia (3RCts [n=39213]; ARD -1.48% [95% IC -3.32-0.35%]).

CONCLUSIONI E RILEVANZA: La supplementazione con vitamina D da sola o con calcio non si associa alla riduzione dell’incidenza di fratture in soggetti adulti residenti in comunità senza una nota carenza vitaminica D, senza osteoporosi o precedenti fratture. La terapia con vitamina D e calcio si associa ad un aumento dell’incidenza di calcolosi renale.

Scrivi alla segreteria

Per qualsiasi informazione sull'iscrizione alla società G.I.BIS. Scrivi alla segreteria.

Invio

©2018 Gruppo Italiano per lo studio dei BISfosfonati

Entra con le tue credenziali

oppure    

Dimenticate le credenziali

Create Account

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi