Gentili Colleghe e Colleghi,
questo è il primo Congresso Nazionale G.I.BIS. che si tiene dopo la dipartita del Professor Silvano Adami, avvenuta il 26 marzo dello scorso anno. Egli ci ha prematuramente lasciato, dopo avere combattuto a viso aperto, con coraggio e dignità esemplari secondo il Suo stile, una vigorosa battaglia contro la malattia che Lo aveva aggredito. Ed è con grande tristezza che io oggi, in occasione della lettura a Lui dedicata, mi accingo a ricordarLo brevemente.
Con Silvano è andata via una figura carismatica, di elevata statura scientifica, dotata di genialità e talento naturali. Con Silvano è scomparso un esperto di fama mondiale delle malattie scheletriche, proteso con passione e curiosità verso mete e ideali scientifici sempre più alti e ambiziosi.
Oggi non voglio ricordare solo il Medico, il Ricercatore, l’Accademico, il fondatore di una Scuola prestigiosa i cui allievi fanno onore al Maestro, l’ideatore e l’ispiratore scientifico del GIBIS, di cui fu a più riprese, per ben 13 anni, apprezzato e illuminato Presidente, a tutti noi ben noto per le riconosciute capacità professionali, per la singolare e brillante intelligenza, per l’intuitiva genialità scientifica e per la dedizione profonda, scrupolosa e puntuale alla ricerca. Oggi voglio ricordare anche l’Uomo, il Collega e l’Amico.
Tra Lui e coloro che gli erano più vicini o che più spesso Lo frequentavano era inevitabile che si stabilisse un clima di reciproca, affettuosa e forte simpatia, che non lasciava spazio a dietrologie comportamentali, contorsionismi verbali e bizantinismi intellettuali che potessero rendere il rapporto ipocrita e falso. Questo con Silvano non poteva accadere, perchè l’Uomo era leale, sincero, diretto e usciva subito allo scoperto, con le sue innate doti di genuinità, bontà, saggezza e umanità, continuamente rinnovate nelle tante manifestazioni della vita di tutti giorni. Per Lui niente era liturgico o convenzionale, tutto era spontaneo e naturale.
E ancora, come non ricordare la sobrietà del carattere, schivo di ogni formalità esibizionistica, e lo spiccato senso dell’ironia e dell’umorismo. Penso a quante volte una Sua battuta arguta, una Sua frase sarcastica o un Suo racconto scanzonato sono riusciti a sdrammatizzare situazioni pesanti e a fare sorridere!
Talvolta, è vero, i modi potevano sembrare a un interlocutore nuovo e superficiale bruschi, intensi, forti, fuori dalle regole e non convenzionali ma, a ben vedere, erano sempre permeati di semplicità, genuinità e schiettezza. Semplicità, genuinità e schiettezza che, insieme alle Sue altre numerose qualità, oggi costituiscono il pesante e ricco bagaglio di ricordi che ci ha lasciato.
Tra i tanti e gravosi impegni, doveri e responsabilità che la Sua attività comportava, Egli trovava sempre il tempo per dedicarsi alla Sua famiglia, nei cui confronti nutriva un sentimento profondo, ricco e senza tempo, quale quello che solo un Marito e un Padre sinceramente partecipe e consapevole può coltivare. Alla consorte e ai figli, tutti noi qui presenti rinnoviamo la nostra vicinanza, consapevoli che le doti umane e professionali del Loro illustre congiunto faranno sì che Egli continui a vivere maestosamente nel nostro ricordo.

Giovanni Minisola

Scrivi alla segreteria

Per qualsiasi informazione sull'iscrizione alla società G.I.BIS. Scrivi alla segreteria.

Invio

©2017 Gruppo Italiano per lo studio dei BISfosfonati

Entra con le tue credenziali

    

Dimenticate le credenziali

Create Account

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi